febrero 25, 2024

La montagna sull’isola indonesiana di Sulawesi un tempo era ricoperta da migliaia di alberi di pepe piantati dalla sua famiglia, ma tutto ciò che rimane è terra rossa esposta.

La 54enne ha detto che non sapeva che la sua famiglia stava per perdere i propri mezzi di sostentamento: sua figlia le ha telefonato al mercato dove vendeva il raccolto e ha detto che gli alberi erano stati distrutti.

«Sono salito sulla collina e insieme ai miei vicini ed io abbiamo cercato di fermare i mezzi pesanti», ha ricordato Masita, che come molti indonesiani ha un solo nome. Quando ha cercato di salire sul macchinario, ha detto che gli uomini hanno cercato di fermarla e hanno chiamato la polizia.

Ha detto che continuava a gridare: «Come hai potuto, perché ci hai fatto questo, come possiamo vivere, come daremo da mangiare alle nostre famiglie, dovremmo mangiare le pietre?»

Masita, insieme al suo intero villaggio nella reggenza di East Luwu, è stata sfrattata dalle terre che coltivava nel 2015 in modo che un’azienda potesse costruire una miniera di nichel, ha detto.

Come Masita, molti agricoltori indonesiani non hanno alcun titolo fondiario chiaro, il che porta a controversie sulla terra e conflitti sul territorio. È un problema reso ancora più complicato dal fatto che alcune regioni sulla mappatura nazionale appaiono disabitate anche se la terra è coltivata da generazioni.

Il terreno a East Luwu è stato sequestrato come parte della spinta dell’Indonesia a diventare leader mondiale nel crescente mercato del nichel, un elemento cruciale a lungo utilizzato nell’acciaio inossidabile. La domanda aggiuntiva è stata creata dalla spinta globale dai combustibili fossili che riscaldano il pianeta verso le energie rinnovabili. Il nichel è utilizzato anche nelle batterie agli ioni di litio presenti negli oggetti di uso quotidiano come spazzolini da denti elettrici, computer portatili e cellulari. Ma queste batterie vengono sempre più utilizzate per alimentare veicoli elettrici (EV) ed e-bike.

La fretta del governo di espandere la lavorazione del nichel e il mercato dei veicoli elettrici ha avuto un costo per donne come Masita che fanno affidamento sulle coltivazioni di pepe come unica fonte di reddito. L’agricoltura è una delle poche industrie a disposizione delle donne in termini di posti di lavoro e opportunità economiche.

Masita ha detto di aver ricevuto un pagamento una tantum dalla compagnia mineraria di circa 50 milioni di dollari di rupie indonesiane (circa 3.223 dollari) in cambio della terra. Con la fattoria, la vedova e madre di quattro figli potrebbe guadagnare fino a 6 milioni di rupie (circa 386 dollari) in un mese dai suoi raccolti annuali. Ora ha la fortuna di ricevere un quarto del ricavato dalla vendita di cibo cotto, come il pollo al curry, dalla sua piccola bancarella in un villaggio vicino.

«Se non fossimo stati sfrattati, avremmo potuto comunque guadagnare milioni di rupie. Non siamo ricchi, ma è sufficiente a coprire le nostre spese quotidiane», ha detto. «Oggi prendo in prestito denaro dalla banca… La mia vita è diventata difficile.»

Le ambizioni dei veicoli elettrici dell’Indonesia

Il presidente indonesiano Joko Widodo ha definito lo sviluppo dell’industria dei veicoli elettrici una priorità nazionale, introducendo politiche favorevoli ai veicoli elettrici e incentivando agevolazioni fiscali volte ad attirare investimenti stranieri.

Negli ultimi anni ha vietato l’esportazione di minerale di nichel grezzo per incoraggiare lo sviluppo degli impianti di lavorazione del nichel del paese. Secondo Reuters, tra il 2015 e il 2022, il valore delle esportazioni di nichel lavorato dell’Indonesia è aumentato da 1 miliardo di dollari a circa 30 miliardi di dollari.

Widodo ha anche incaricato lo sviluppo dell’industria nazionale dei veicoli elettrici in Indonesia, con l’obiettivo di competere con Thailandia e India come valida alternativa alla Cina, che spera di diventare il principale produttore mondiale di veicoli elettrici. Con esso si pone l’ambizioso obiettivo di produrre 600.000 veicoli elettrici entro il 2030.

Molti di questi veicoli sono destinati ai mercati esteri poiché i paesi mirano a raggiungere i propri obiettivi nazionali sulle emissioni decarbonizzando il trasporto stradale, un settore che rappresenta oltre il 15% delle emissioni globali legate all’energia. secondo l’Agenzia internazionale per l’energia.

Tuttavia, la domanda di nichel da parte dell’Indonesia ha fatto sì che le aziende agricole, come quella di Masita nel Sulawesi meridionale, siano state sequestrate per sostenere l’espansione delle attività di estrazione del nichel, dei centri di fusione e delle raffinerie, poiché molte non detengono titoli fondiari formali. Ora altri temono che la loro fattoria potrebbe essere la prossima ad essere abbandonata.

Nurhasiyah, una coltivatrice di pepe che vive nel villaggio di Loeha, sempre a East Luwu, ha iniziato a coltivare alberi di pepe da ragazzina e continua a lavorare nella fattoria con il marito per potersi permettere di mandare i loro tre figli a scuola.

«Non riesco a immaginare se la nostra piantagione venisse presa», ha detto Nurhasiyah tra le lacrime. «Non ci sarebbe più alcun mezzo di sostentamento per noi.»

Ha detto che i rappresentanti di PT Vale Indonesia, una delle più grandi compagnie minerarie indonesiane e la stessa azienda che ora possiede la terra di Masita, hanno iniziato a prelevare campioni di terreno intorno al villaggio negli ultimi mesi, dicendo ai residenti di aver acquistato la terra. «Dov’è la prova del pagamento?» chiese.

La CNN ha contattato PT Vale Indonesia e il governo indonesiano in merito alle affermazioni avanzate dai residenti della reggenza di East Luwu. Non ha ricevuto risposta dal governo.

In una e-mail alla CNN, la società non ha negato che il terreno fosse stato sequestrato. Ha affermato che «continua a svolgere le proprie operazioni e attività in conformità con la sua licenza fondamentale di operare (nota come contratto di lavoro) e con le leggi e i regolamenti vigenti, anche per quanto riguarda l’utilizzo del territorio». Ha affermato di dover affrontare «casi significativi di invasione della comunità da parte di terzi, dove la terra è stata bonificata per scopi di agricoltura comunitaria e attività mineraria illegale» nel Sulawesi meridionale.

In passato, ha negato le accuse di aver sequestrato terre agli indigeni. «PT Vale non ha mai preso diritti da altre parti senza il loro consenso», ha detto l’anno scorso Bayu Aji, responsabile della comunicazione di PT Vale Indonesia, alla rivista indonesiana Tempo, affermando di aver acquisito terreni a East Luwu attraverso un accordo con il governo indonesiano.

Una storia di controverse espropri di terre

In Indonesia, non è insolito per i residenti scoprire che le proprietà che hanno raccolto per generazioni sono state concesse dal governo e vendute a grandi imprese per le risorse naturali.

Per decenni, gruppi ambientalisti e per i diritti umani hanno accusato il governo indonesiano di accaparramento di terre, cedendo le foreste pluviali e le terre delle popolazioni indigene a grandi aziende per lo sfruttamento di risorse come l’olio di palma.

Da quando è entrato in carica nel 2014, Widodo ha cercato di rivitalizzare l’economia indonesiana e sostenere lo sviluppo di industrie dipendenti dalle risorse naturali, impegnandosi allo stesso tempo a rallentare la deforestazione e ad accelerare il riconoscimento della proprietà della terra.

Lo scorso dicembre, il governo ha dichiarato di aver riconosciuto circa 100 milioni di appezzamenti di terreno, che non erano stati certificati nel 2015, e ha riconosciuto che ci sono ancora 80 milioni di persone – circa il 29% della popolazione – che non possiedono certificati fondiari.

Ma gli attivisti sostengono che non basta e che il processo per ottenere il riconoscimento della terra è lento e arduo. Secondo un’iniziativa indipendente che mappa le terre indigene, la Ancestral Domain Registration Agency (BRWA), il governo ha riconosciuto 3,7 milioni di ettari (9,14 milioni di acri) – o solo il 14% – della terra mappata rivendicata da gruppi indigeni, IL Lo ha riferito Mongabay, organizzazione no profit di notizie ambientali.

Nel Sulawesi meridionale, Nurhasiyah, insieme a dozzine di altre donne, si è unita al gruppo «Donne combattenti di Loeha», che lotta per i diritti della comunità sulla loro terra.

Hasma, il fondatore del gruppo, ha affermato che la coltivazione del pepe è una fonte di sostentamento per i 7.000 residenti del villaggio e fornisce lavoro a centinaia di altre persone che lavorano nei campi. Se le fattorie venissero sequestrate, le loro vite sarebbero miserabili, ha detto.

«Questa è la nostra unica fonte di vita: pepe e terra. Se questi ci vengono tolti, non avremo altre entrate», ha detto.

Secondo la Banca Mondiale, le donne rappresentano quasi un quarto di tutti gli agricoltori indonesiani e, secondo la Banca Mondiale, l’agricoltura impiega circa il 29% della forza lavoro del paese. Molti si destreggiano tra la necessità di prendersi cura della propria casa e dei propri figli, ma anche di prendersi cura delle proprie fattorie, e sono spesso più colpiti degli uomini dai cambiamenti ambientali.

Hasma ha detto che il suo gruppo ha cercato aiuto con WALHI, il Forum indonesiano per l’ambiente di vita, la più antica ONG ambientalista indonesiana.

In una dichiarazione al Gruppo dei 20 dell’anno scorso, allora presieduto dall’Indonesia, WALHI ha avvertito i leader di smettere di promuovere i veicoli elettrici come “alternativa ecologica e soluzione alla crisi climatica”.

La dichiarazione definisce l’espansione dell’estrazione del nichel a Sulawesi «una catastrofe per la comunità, soprattutto per gli agricoltori e le donne».

Nel suo comunicato congiunto, il G20 ha riconosciuto la necessità di “diversificare i mix e i sistemi energetici” e di garantire “transizioni energetiche pulite, sostenibili, giuste, convenienti e inclusive”, ma non ha fatto menzione dei veicoli elettrici o degli impatti ambientali dell’estrazione del nichel.

Muhammad Al Amin, direttore esecutivo di WALHI South Sulawesi, afferma che WALHI vuole che aziende come PT Vale Indonesia agiscano in modo equo.

«Questa azienda ha 118.000 ettari di terreno in concessione nelle Sulawesi meridionali, centrali e sud-orientali. Se le persone chiedono 20.000 ettari dalla concessione per il loro spazio vitale, penso che questa sia una richiesta razionale», ha detto Al Amin alla CNN.

Al Amin afferma che da quando il presidente ha dichiarato di volere che l’Indonesia diventasse uno dei principali attori nel settore dei veicoli elettrici, l’organizzazione ha assistito a un aumento della «massiccia» deforestazione a Sulawesi.

Nel 2022, il Sulawesi meridionale ha perso l’11% della sua copertura arborea dal 2000, con la perdita maggiore osservata nella reggenza di East Luwu, secondo Global Forest Watchun’iniziativa del World Resources Institute.

«Ciò che il governo non trasmette mai è l’impatto del danno sociale e ambientale che si verifica nel settore», ha detto Al Amin alla CNN. «Ci sono centinaia di famiglie che vivono nella miseria, vivono nella povertà, a causa della perdita delle loro fattorie dopo essere state sfrattate dalle compagnie minerarie.»

E non è solo la perdita di reddito. Masita dice che lei e la sua famiglia – compresi i suoi figli e i giovani nipoti – soffrono a causa dell’inquinamento da polvere e rumore proveniente dalle miniere di nichel. «Spesso dobbiamo indossare maschere e occhiali per proteggerci», ha detto.

Nurhasiyah ha detto che i residenti di Loeha, a cui si può accedere solo tramite traghetto o attraverso terreni accidentati e impegnativi, temono che l’inquinamento ambientale causato dalle miniere di nichel li lascerà anche più vulnerabili alle malattie con un accesso limitato o nullo ai centri medici.

La CNN ha contattato PT Vale Indonesia e il governo indonesiano in merito a queste affermazioni, ma non ha ricevuto risposta dal governo.

Nella sua e-mail alla CNN, PT Vale Indonesia ha affermato di condurre valutazioni di impatto ambientale e «[we] garantire che tutte le decisioni siano ben comunicate alle parti interessate e ai gruppi della comunità.»

Sul suo sito web globale, Vale afferma di riconoscere che le sue attività in tutto il mondo possono causare «impatti ambientali significativi» e che investe in modi per «gestire i rischi e ridurre al minimo gli impatti socio-ambientali delle nostre operazioni nei luoghi in cui operiamo», nonché ridurre le emissioni inquinanti.

Mentre il mondo si sposta verso i veicoli elettrici per ridurre l’inquinamento da carbonio, il gruppo ambientalista WALHI spera che i consumatori siano più consapevoli da dove provengono i materiali per costruire le loro auto e come possono svolgere un ruolo nel fare pressione sulle aziende e sul governo indonesiano per risolvere i conflitti. .

«L’energia verde deve essere ridefinita. Se l’energia verde è ottenuta da attività che spostano le terre delle persone, sostituiscono le fattorie delle persone, non penso che sia un’industria verde», ha detto Al Amin alla CNN.

«Non vogliamo che le auto elettriche usate ogni giorno siano costruite sulla base della sofferenza e del pianto delle donne di questo villaggio, sulla fame e sulla sofferenza dei bambini di questo villaggio, e come risultato dello sfratto.»

Questa storia è stata aggiornata con una risposta da PT Vale Indonesia.