junio 20, 2024



CNN

Per più di un decennio, una serie di omicidi irrisolti noti come omicidi di Gilgo Beach ha terrorizzato i residenti e confuso le autorità sulla costa meridionale di Long Island, dopo che la scomparsa di una donna nel 2010 ha portato gli investigatori a trovare 10 serie di resti umani oltre ai suoi e lanciò la caccia a un possibile serial killer.

Le autorità hanno annunciato un importante passo avanti nel caso quando hanno accusato L’architetto newyorkese Rex Heuermann, 59 anni, con omicidio in relazione all’uccisione di tre delle quattro donne diventate note come «Gilgo Four».

Heuermann è stato arrestato a luglio. È stato incriminato per un caso di omicidio di primo grado e un caso di omicidio di secondo grado in ciascuno dei tre omicidi: quelli di Melissa Barthelemy nel 2009 e di Megan Waterman e Amber Costello nel 2010, secondo il procuratore distrettuale della contea di Suffolk.

Ha detto al suo avvocato che non è lui l’assassino.

Si prevede che Heuermann dovrà affrontare anche una quarta accusa di omicidio, ha detto domenica alla CNN una fonte vicina alle indagini.

La fonte non ha specificato per quale vittima dovrebbe essere accusato, ma le autorità hanno detto che Heuermann è il principale sospettato della scomparsa e della morte di una quarta donna, Maureen Brainard-Barnes, avvenuta nel 2007.

La CNN ha contattato l’avvocato di Heuermann, l’ufficio del procuratore distrettuale della contea di Suffolk e il dipartimento di polizia della contea di Suffolk per un commento.

Una volta che Heuermann è stato identificato come sospetto all’inizio del 2022, hanno detto le autorità, hanno osservato lui e la sua famiglia mentre raccoglievano campioni di DNA da oggetti nella spazzatura mentre costruivano un caso.

Heuermann è stato trattenuto in custodia cautelare senza cauzione dopo il suo arresto e ha presentato una dichiarazione di non colpevolezza tramite il suo avvocato. È atteso in tribunale martedì, hanno detto fonti delle forze dell’ordine.

Ecco una cronologia degli omicidi di Gilgo Beach, come si sono svolte le indagini e cosa alla fine ha portato all’arresto di Heuermann.

2010: le autorità trovano i primi resti negli omicidi di Gilgo Beach

La polizia ha scoperto la prima serie di resti femminili tra i cespugli lungo una striscia isolata di proprietà sul lungomare di Gilgo Beach mentre cercava un’altra donna scomparsa: Shannan Gilbert, una 23enne di Jersey City, nel New Jersey, che non si vedeva da maggio 2010.

I resti di Melissa Barthelemy, 24 anni, furono i primi ad essere scoperti nel caso durante la perquisizione dell’11 dicembre 2010, secondo i funzionari della contea di Suffolk. Due giorni dopo, gli investigatori scoprirono i resti di altre tre vittime – Maureen Brainard-Barnes, Amber Costello e Megan Waterman – sparsi su un tratto di mezzo miglio su Gilgo Beach.

Le quattro donne, avvolte in una tela mimetica, lavoravano come escort pubblicizzate su Craigslist e sono state viste l’ultima volta tra luglio 2007 e settembre 2010, hanno detto i funzionari.

Dopo la scomparsa di Barthelemy, le autorità affermano che la sua famiglia ha ricevuto numerose chiamate provocatorie. In una delle chiamate, il sospettato «ha ammesso di aver ucciso e aggredito sessualmente la signora Barthelemy», secondo una richiesta di cauzione presentata dal procuratore distrettuale della contea di Suffolk dopo l’arresto di Heuermann.

Quelle chiamate, dicono le autorità, avrebbero poi aiutato a svelare il caso.

2011: vengono ritrovati altri resti, tra cui un bambino e sua madre

La polizia ha detto che nel gennaio 2011 le chiamate dal cellulare di Barthelemy erano state rintracciate nel centro di Manhattan, con le ultime due chiamate effettuate dai dintorni di Madison Square Garden e Times Square. La persona che ha chiamato ha riattaccato troppo velocemente perché le autorità potessero individuare l’esatta posizione delle chiamate, ha detto la polizia.

Il 29 marzo 2011, i resti scheletrici parziali di un’altra donna furono ritrovati diverse miglia a est di dove furono scoperti i corpi dei «Gilgo Quattro».

La donna era inizialmente conosciuta come Jane Doe #5 prima che gli investigatori la identificassero come Jessica Taylorun’altra scorta i cui resti parziali erano stati precedentemente scoperti a Manorville nel 2003, ha detto la polizia.

Il mese successivo, il 4 aprile 2011, altri tre gruppi di resti furono trovati su un tratto di Ocean Parkway nella contea di Suffolk, vicino alla spiaggia. Tra loro c’erano una bambina, un maschio asiatico non identificato e una donna inizialmente denominata Jane Doe n. 6, hanno detto gli investigatori.

Una settimana dopo, nella contea di Nassau, a circa 40 miglia a est di New York City, furono trovati altri due gruppi di resti umani, uno dei quali fu identificato come la madre del bambino attraverso l’analisi del DNA. I resti parziali della madre furono scoperti per la prima volta nel 1997, hanno detto i funzionari.

L’altra serie di resti «geneticamente abbinati» con i resti trovati nel 1996 su Fire Island, «ampliando in modo significativo la cronologia e la portata geografica» dell’indagine, hanno detto i funzionari.

A metà aprile dello stesso anno, Steve Cohen, un avvocato della madre di Barthelemy, disse che un uomo che utilizzava il cellulare della vittima fece chiamate provocatorie e affermò di aver ucciso Barthelemy, ha riferito la CNN.

«Pensi che la rivedrai mai più?», ha chiesto l’uomo non identificato alla sorella di Barthelemy il 26 agosto 2009, secondo Cohen.

“Non lo farai. L’ho uccisa», aggiunse e riattaccò. La telefonata terminò dopo meno di un minuto, riferì all’epoca la CNN.

Un’altra telefonata è stata effettuata nel luglio 2009, pochi giorni dopo la scomparsa di Barthelemy. Fu la prima delle sette chiamate che fece dal cellulare di Barthelemy. Cohen ha detto nella telefonata che il chiamante maschio non identificato si riferiva a Barthelemy come una «puttana» in una breve conversazione con la sorella allora quindicenne, disse all’epoca Cohen alla CNN.

Nella telefonata finale, l’uomo ha descritto dettagliatamente alla sorella della vittima ciò che aveva fatto sessualmente a Barthelemy, ha detto Cohen.

Nel dicembre 2011, il corpo di Gilbert è stato trovato nelle paludi boscose di Oak Beach, nella contea di Suffolk. La spiaggia è a circa 9 miglia da dove sono stati ritrovati gli altri 10 resti umani.

Le autorità in seguito dissero di ritenere che la morte di Gilbert potesse essere stata accidentale e non correlata agli omicidi di Gilgo Beach.

2020: la polizia pubblica le foto di un indizio chiave e identifica una vittima

Nel gennaio 2020, la polizia della contea di Suffolk ha pubblicato le foto di quella che potrebbe essere una prova significativa: una cintura di pelle nera su cui sono impresse le lettere “WH” o “HM”. Il dipartimento ha anche lanciato un sito web per raccogliere nuovi suggerimenti sulle indagini.

«Crediamo che la cintura sia stata maneggiata dal sospettato e non appartenesse a nessuna delle vittime», ha detto ai giornalisti l’ex commissario di polizia della contea di Suffolk, Geraldine Hart.

Il 28 maggio 2020, il dipartimento di polizia della contea di Suffolk di New York ha identificato «Jane Doe n. 6» come Valerie Mack, una madre di Filadelfia di 24 anni scomparsa due decenni prima.

L’FBI ha aiutato a identificare i resti di Mack utilizzando la tecnologia avanzata del DNA forense, hanno detto i funzionari.

Utilizzando campioni dei suoi resti, gli investigatori della contea di Suffolk sono stati in grado di trovare i parenti biologici di Mack attraverso la genealogia genetica, che alla fine ha portato alla sua famiglia adottiva e al figlio, ha detto Hart ai giornalisti all’epoca.

Nel febbraio 2022, il commissario di polizia della contea di Suffolk Rodney Harrison ha formato una task force multiagenzia per indagare sugli omicidi di Gilgo Beach.

La task force comprendeva il dipartimento di polizia della contea di Suffolk, l’ufficio dello sceriffo della contea di Suffolk, la polizia dello Stato di New York e l’FBI.

Il 14 marzo 2022, Heuermann è stato menzionato per la prima volta come possibile sospettato nel caso di omicidio di Gilgo Beach dopo che un investigatore dello stato di New York lo ha identificato in un database, secondo il procuratore distrettuale della contea di Suffolk Ray Tierney.

Gli investigatori hanno quindi iniziato a sorvegliare lui e la sua famiglia e hanno prelevato pezzi di spazzatura per ottenere campioni di DNA, persino la crosta della pizza scartata.

Mentre si avvicinavano a Heuermann, gli investigatori hanno utilizzato i registri delle torri cellulari di migliaia di possibili individui fino a centinaia e poi a una manciata di persone. Successivamente, le autorità si sono concentrate sui residenti che corrispondevano anche alla descrizione fisica fornita da un testimone che aveva visto il sospetto assassino.

Le autorità hanno individuato chiunque avesse un legame con un camioncino verde che un testimone aveva visto guidare dal sospettato, secondo due fonti delle forze dell’ordine a conoscenza del caso. Più tardi, le autorità hanno appreso che Heuermann guidava un camioncino verde intestato a suo fratello, ha riferito la CNN.

Heuermann corrispondeva alla descrizione fisica di un testimone, viveva vicino al sito della cellula di Long Island e lavorava vicino ai siti della cellula di New York City dove venivano catturate altre chiamate.

I registri di fatturazione dei cellulari personali e delle carte di credito hanno rivelato numerosi casi in cui Heuermann si trovava nei luoghi generali come telefoni prepagate, che le autorità dicono che aveva con sé durante gli omicidi. Ha usato i telefoni per chiamare le tre vittime e ha anche usato «i cellulari di Brainard-Barnes e Barthelemy quando venivano usati per controllare la segreteria telefonica e fare telefonate provocatorie dopo la scomparsa delle donne», sostengono i pubblici ministeri della contea di Suffolk.

Le autorità hanno detto che una ricerca nel computer di Heuermann ha rivelato che aveva cercato in internet almeno 200 volte per dettagli sullo stato delle indagini, ha detto Tierney. Heuermann stava anche cercando compulsivamente le foto delle vittime e dei loro parenti e stava cercando di rintracciare i parenti, ha detto il procuratore distrettuale.

Alla fine del 2022, gli investigatori hanno recuperato una tazza che si credeva fosse stata scartata da Heuermann, ma non sono riusciti a ricavarne un buon campione di DNA, ha detto alla CNN una fonte delle forze dell’ordine vicina alle indagini.

Nel gennaio 2023, gli investigatori hanno ottenuto un campione completo del DNA di Heuermann dalla crosta rimasta in una scatola di pizza che aveva gettato nella spazzatura, ha detto alla CNN una fonte delle forze dell’ordine vicina alle indagini.

Durante l’esame iniziale dei resti scheletrici e dei materiali di una delle vittime scoperti nella tomba, il laboratorio criminale della contea di Suffolk ha recuperato un capello maschile dal «fondo della tela» che l’assassino ha usato per avvolgere il suo corpo, secondo i pubblici ministeri. L’analisi del DNA trovato sulla vittima e sulla pizza buttata da Heuermann ha mostrato che i campioni corrispondevano.

Inoltre, i capelli che si ritiene provengano dalla moglie di Heuermann sono stati trovati su o vicino a tre delle vittime dell’omicidio, sostengono i pubblici ministeri nella richiesta di cauzione, citando il test del DNA. Il DNA proveniva da 11 bottiglie all’interno di un bidone della spazzatura fuori dalla casa di Heuermann, dice il documento del tribunale.

Il 13 luglio 2023, un sospetto collegato ad alcuni degli omicidi di Gilgo Beach è stato preso in custodia a New York City, segnando il primo arresto nel caso, secondo Harrison. È stato trasportato di nuovo al quartier generale della polizia della contea di Suffolk, nella frazione di Yaphank a Long Island, ha detto il commissario di polizia.

Il giorno dopo, le autorità hanno identificato il sospettato come Heuermann, un architetto registrato che è proprietario della società di architettura e consulenza con sede a New York, RH Consultants & Associates, dal 1994, secondo il sito web della sua azienda.

Il caso contro Heuermann si è concluso nell’arco di due anni con la ripresa delle indagini, in cui gli investigatori hanno utilizzato «il potere del gran giurì», inclusi più di 300 mandati di comparizione e di perquisizione, per raccogliere prove e collegare definitivamente Heuermann agli omicidi, Tierney detto durante una conferenza stampa.