junio 14, 2024



CNN

Ecco uno sguardo al leader dell’opposizione russa, critico e attivista del Cremlino Alexey Navalny.

Data di nascita: 4 giugno 1976

Luogo di nascita: Butyn, Unione Sovietica

Nome di nascita: Alexey Anatolyevich Navalny (a volte scritto Alexei, Aleksei)

Padre: Anatoly Navalny, ex ufficiale militare e proprietario di una fabbrica di tessitura di cesti

Madre: Lyudmila Navalnaya, proprietaria di una fabbrica di tessitura di cesti

Matrimonio: Yulia (Abrosimova) Navalnaya (2000-oggi)

Bambini: Daria e Zachar

Formazione scolastica: Università russa dell’Amicizia popolare, diritto commerciale, 1998; ha frequentato l’Accademia statale delle finanze, 1999-2001

È stato un importante organizzatore di proteste di strada e ha denunciato la corruzione nel governo e negli affari russi tramite i social media, incluso il suo blog LiveJournal e il sito web RosPil.

Dice di restare fedele ai precedenti commenti anti-immigrazione considerati xenofobi, inclusa la deportazione dei georgiani dalla Russia. Si è scusato per l’uso di termini dispregiativi.

Gli viene impedito di candidarsi a una carica politica a causa di una condanna del 2013. La legge russa vieta ai criminali condannati di candidarsi a cariche politiche.

Come Alexey Navalny è diventato il volto dell’opposizione nella Russia di Putin (2021)

2000 – Aderisce a Yabloko, il Partito Democratico Unito russo.

2006 – Partecipa alla Marcia Russa, manifestazione nazionalista.

2007 – Viene espulso da Yabloko a causa delle sue tendenze nazionalistiche.

2007 – Lancia il Movimento di Liberazione Nazionale Russo, (noto come NAROD, la parola russa per “popolo”).

2009 – Consigliere politico del governatore della regione di Kirov.

novembre 2010 – Denuncia un piano di appropriazione indebita da 4 miliardi di dollari presso l’operatore statale dell’oleodotto Transneft, pubblicando documenti trapelati sul suo blog.

Dicembre 2010 – Nella zona di Kirov è stata aperta un’indagine contro di lui riguardante un affare di legname di proprietà statale quando era consigliere del governatore.

5 dicembre 2011 – Partecipa alle proteste seguite alla vittoria elettorale di Vladimir Putin il 4 dicembre. Viene arrestato ma viene rilasciato dopo 15 giorni.

2011 – Fonda la Fondazione Anticorruzione (FBK). L’organizzazione indaga sulla corruzione nel governo russo e pubblica documentazione a sostegno.

24 dicembre 2011 – Parla davanti a decine di migliaia di manifestanti pro-riforma prima delle elezioni presidenziali del marzo 2012.

6 marzo 2012 – Viene arrestato insieme ad altri manifestanti dopo che Putin ha vinto il terzo mandato presidenziale il 4 marzo, con poco meno del 65% dei voti. I critici mettono in dubbio i risultati tra le denunce di frode elettorale.

20 marzo 2013 – È accusato, insieme all’imprenditore Petr Ofitserov, di appropriazione indebita di 500.000 dollari in un affare di legname di proprietà statale quando era consigliere del governatore della regione di Kirov.

18 luglio 2013 – Il tribunale della città di Kirov dichiara Navalny e Ofitserov colpevoli di appropriazione indebita. Sono condannati rispettivamente a cinque e quattro anni di prigione. Detenuti durante la notte, vengono rilasciati il ​​19 luglio in attesa di appello. Al verdetto seguono proteste pubbliche.

2013 – Si candida senza successo a sindaco di Mosca. Al secondo posto con il 27% dei voti.

16 ottobre 2013 – La condanna a cinque anni di reclusione inflitta nel luglio 2013 è ridotta ad una pena sospesa in appello.

Ottobre 2013 – In una dichiarazione del comitato investigativo federale russo, Navalny e suo fratello Oleg Navalny sono accusati di aver frodato la filiale russa dell’azienda francese di cosmetici Yves Rocher.

28 febbraio 2014-gennaio 2015 – Agli arresti domiciliari.

30 dicembre 2014 – Viene dichiarato colpevole di frode nel caso del novembre 2013. Riceve una pena sospesa di tre anni e mezzo. Suo fratello riceve una condanna a tre anni e mezzo di prigione.

23 febbraio 2016 – La Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) ha stabilito che Navalny e Ofitserov sono stati privati ​​del diritto a un giusto processo nella loro condanna del 2013. A loro vengono riconosciuti 8.000 euro per danni, più ulteriori risarcimenti per costi e spese.

27 aprile 2017 – Navalny viene spruzzato in faccia con una tintura verde antisettica. L’attacco provoca danni alla vista in un occhio.

22 gennaio 2018 – Un tribunale di Mosca ordina la chiusura della FBK, che finanzia le attività di Navalny.

29 luglio 2019 – Soffre di una «reazione allergica acuta» mentre sconta una pena di 30 giorni in custodia di polizia. Il suo arresto, avvenuto il 24 luglio, fa seguito ad un invito a manifestare dopo la squalifica dei candidati dell’opposizione alle elezioni municipali russe. I medici non hanno riscontrato alcun segno di avvelenamento dopo aver effettuato le analisi, riferisce l’agenzia di stampa russa TASS.

Avvelenamento e tempo in Germania

20 agosto 2020 – Si sente male durante un volo di ritorno a Mosca dalla città siberiana di TomskIn ed entra in coma per sospetto avvelenamento, secondo la portavoce Kira Yarmysh. «Presumiamo che Alexey sia stato avvelenato con qualcosa mescolato [his] tè”, twitta Yarmysh. La ONG tedesca The Cinema for Peace Foundation afferma che sta inviando un aereo sanitario in Russia nel tentativo di evacuarlo.

21 agosto 2020 – I medici russi danno alla squadra di Navalny il permesso di spostarlo. Secondo la portavoce Kira Yarmysh, è prevista un’evacuazione medica per recarsi in una clinica tedesca.

22 agosto 2020 – Arriva all’ospedale Charité di Berlino in Germania dove viene fatta una “diagnosi medica approfondita”.

2 settembre 2020 – In un comunicato, il governo tedesco riferisce che Navalny è stato avvelenato con un agente nervino chimico del gruppo Novichok. Il Novichok è stato utilizzato in un attacco del marzo 2018 contro l’ex spia russa Sergei Skripal e sua figlia, Yulia Skripal, nella città cattedrale inglese di Salisbury.

7 settembre 2020 – Secondo una dichiarazione rilasciata dall’ospedale Charité, Navalny è uscito dal coma farmacologico.

23 settembre 2020 – Viene dimesso dall’ospedale, secondo un comunicato diffuso dall’Ospedale Charité.

14 dicembre 2020 – Un rapporto della CNN e del gruppo investigativo Bellingcat rivela che il Servizio di sicurezza federale russo (FSB) ha formato una squadra d’élite specializzata in agenti nervini e ha seguito Navalny per anni. I registri telefonici e di viaggio suggeriscono che l’unità ha seguito Navalny in almeno 17 città dal 2017.

17 dicembre 2020 – Nella sua conferenza stampa annuale, Putin sostiene che se i servizi speciali russi avessero voluto uccidere Navalny, “probabilmente l’avrebbero finito… ma in questo caso me lo ha chiesto sua moglie, e io ho subito dato l’ordine di farlo uscire dal paese da trattare in Germania… Questo è un trucco per attaccare i leader [in Russia].” L’indagine CNN-Bellingcat è una forma di “guerra dell’informazione” facilitata da servizi speciali stranieri, dice.

21 dicembre 2020 – La CNN riferisce che Konstantin Kudryavtsev, un agente che apparteneva a una squadra d’élite delle tossine dell’FSB russo, ha rivelato durante un debriefing dettagli su come Navalny è stato avvelenato, ma non si è reso conto che stava parlando con Navalny stesso.

28 dicembre 2020 – Il Servizio penitenziario federale russo (FSIN) accusa Navalny di aver violato i termini della sua libertà vigilata non presentandosi alle ispezioni programmate mentre si trovava in Germania e richiede che un tribunale sostituisca la sua pena sospesa con una pena detentiva effettiva.

29 dicembre 2020 – Il principale organo investigativo russo ha avviato un procedimento penale contro Navalny con l’accusa di frode relativa alla presunta cattiva gestione di 5 milioni di dollari in donazioni a FBK e altre organizzazioni.

Ritorno in Russia e processo

Gennaio 2021 – Le autorità carcerarie russe chiedono ufficialmente di sostituire la pena sospesa di Navalny del 2014 con una vera pena detentiva. Il servizio penitenziario federale russo afferma che, rimanendo in Germania, Navalny sta violando i termini della sua pena sospesa nel cosiddetto caso Yves Rocher, che Navalny ritiene sia motivato politicamente.

13 gennaio 2021 – Annuncia sui social che tornerà in Russia dalla Germania il 17 gennaio.

17 gennaio 2021 – Navalny viene arrestato pochi istanti dopo essere arrivato a Mosca dopo mesi di cure in Germania dopo essere stato avvelenato nell’agosto 2020. Il giorno successivo, gli viene ordinato di rimanere in custodia per 30 giorni durante un’udienza a sorpresa.

2 febbraio 2021 – Un tribunale di Mosca ha condannato Navalny a più di due anni e mezzo di prigione per aver violato i termini di libertà vigilata del 2014 mentre era in Germania. La sentenza tiene conto degli 11 mesi trascorsi da Navalny agli arresti domiciliari. Il suo avvocato dice che farà appello contro la sentenza. La sentenza scatena proteste in tutto il Paese.

20 febbraio 2021 – Il ricorso di Navalny è parzialmente respinto. Il giudice accorcia la sua pena di un mese e mezzo, tenendo conto del tempo trascorso agli arresti domiciliari, da dicembre 2014 a febbraio 2015. In un’udienza separata presso il tribunale distrettuale di Babushkinsky, è stato condannato per aver diffamato il veterano della Seconda Guerra Mondiale Ignat Artemenko, 94 anni. , nei commenti sui social media rilasciati nel giugno 2020. Navalny ha criticato un video trasmesso dal canale televisivo statale RT, in cui figure di spicco esprimevano sostegno alle controverse modifiche alla costituzione russa. La pena per diffamazione, una multa, è stata modificata per includere il potenziale carcere nel dicembre 2020.

24 febbraio 2021 – Secondo Reuters, Navalny è stato privato del suo status di “prigioniero di coscienza” da Amnesty International. La decisione è stata presa a causa delle numerose denunce ricevute dall’organizzazione in merito ai passati commenti xenofobi di Navalny.

3 marzo 2021L’avvocato di Navalny, Vadim Kobzev, ha detto alla CNN che Navalny è detenuto nel centro di detenzione-3 a Kolchugino, nella regione di Vladimir, a est di Mosca. Navalny sarà trattenuto temporaneamente prima di essere trasferito in una colonia penale.

31 marzo 2021 Navalny, detenuto nella colonia penale n. 2 di Pokrov, afferma che inizierà uno sciopero della fame per protestare contro il rifiuto dei funzionari della prigione di garantirgli l’accesso a cure mediche adeguate.

23 aprile 2021 – Navalny annuncia che terminerà lo sciopero della fame dopo aver ricevuto cure mediche.

26 aprile 2021 – Il procuratore capo di Mosca congela il movimento politico di Navalny sospendendo le attività nei suoi uffici in tutto il Paese.

29 aprile 2021 – La rete di uffici regionali di Navalny per il suo movimento politico sarà “ufficialmente sciolta”, annuncia il capo dello staff Leonid Volkov. Volkov afferma che gli uffici regionali “continueranno a lavorare come movimenti sociali e politici indipendenti, ma non li finanzieremo più, non fisseremo loro compiti, ma sappiamo che da soli faranno un ottimo lavoro”.

20 ottobre 2021 – Navalny riceve il Premio Sacharov per la libertà di pensiero.

22 marzo 2022 – Navalny è stato condannato a nove anni di carcere di massima sicurezza, secondo il Tass, dopo essere stato giudicato colpevole di frode dal tribunale Lefortovo di Mosca con l’accusa di aver rubato alla sua Fondazione anticorruzione.

14 giugno 2022 – Navalny viene trasferito in una prigione di massima sicurezza a Melekhovo, nella regione di Vladimir, secondo il quotidiano statale russo TASS che cita Sergey Yazhan, presidente della commissione regionale di controllo pubblico.

26 aprile 2023 – Nei commenti pubblicati su Twitter, Navalny afferma di essere stato accusato di aver commesso «attacchi terroristici» e il nuovo caso sarà esaminato da un tribunale militare.

4 agosto 2023 – È stato condannato a 19 anni di carcere con l’accusa di estremismo, riferiscono i media russi. Navalny sta già scontando condanne per un totale di 11 anni e mezzo in una struttura di massima sicurezza per frode e altre accuse che, a suo dire, erano inventate.

11 dicembre 2023 – Gli avvocati di Navalny affermano di aver perso i contatti con il leader dell’opposizione russa incarcerato e non si sa dove si trovi.

Le dure condizioni all’interno del campo di prigionia dove è detenuto Navalny