febrero 23, 2024



CNN

Per quasi un decennio, i leader della Guardia Costiera degli Stati Uniti hanno nascosto un rapporto critico che denunciava il razzismo, il nonnismo, la discriminazione e le aggressioni sessuali all’interno dell’agenzia.

Lo studio “Cultura del rispetto” del 2015, una copia del quale è stata ottenuta dalla CNN, ha documentato come i dipendenti si lamentassero della cultura “i ragazzi saranno ragazzi” e “io ce l’ho fatta, anche tu puoi”. Molti hanno affermato di temere di essere ostracizzati e di subire ritorsioni per aver denunciato abusi e che coloro che si sono fatti avanti spesso hanno visto le loro denunce respinte dai supervisori.

Alcuni dei risultati principali del rapporto rispecchiavano quelli di un’altra indagine segreta su stupri e aggressioni sessuali presso l’accademia della Guardia Costiera. L’esistenza di quella sonda, soprannominata Operazione Fouled Anchor e completata nel 2019, è stata rivelata dalla CNN all’inizio di quest’anno. Dall’indagine è emerso che una cattiva condotta grave era stata ignorata e, a volte, nascosta da funzionari di alto rango, consentendo ai presunti delinquenti di salire nei ranghi della Guardia Costiera e di altri rami militari.

In seguito agli articoli della CNN sull’indagine sull’ancora sporca e sulla conseguente indignazione del Congresso, il comandante della Guardia costiera, Linda Fagan, si è scusato con i cadetti e la forza lavoro e ha riconosciuto che la Guardia costiera doveva essere più trasparente nei confronti dei membri del servizio, del Congresso e del pubblico su tali questioni. .

“La fiducia e il rispetto prosperano nella trasparenza ma sono distrutti dal silenzio”, ha scritto.

Ma sotto la sua sorveglianza, la Guardia Costiera ha continuato a tenere il rapporto nascosto al pubblico anche se le era stato chiesto di pubblicarlo molto prima che scoppiasse la controversia Fouled Anchor quest’estate. E sebbene lo studio sulla Cultura del Rispetto abbia più di otto anni, più di una dozzina di attuali e recenti dipendenti della Guardia Costiera e cadetti dell’accademia hanno detto alla CNN che molti dei problemi identificati continuano ad affliggere l’agenzia.

In risposta alle domande della CNN questa settimana, un portavoce di Fagan ha detto che il comandante prevede di rendere pubblico il rapporto la prossima settimana come parte del suo “impegno per la trasparenza”, insieme ai risultati di uno studio interno di 90 giorni sulle aggressioni e le molestie sessuali all’interno di l’agenzia, sollecitata dalla segnalazione di Fouled Anchor.

Funzionari della Guardia Costiera hanno inoltre affermato in una dichiarazione che il rapporto Cultura del rispetto non era originariamente destinato a essere diffuso ampiamente alla forza lavoro, ma piuttosto doveva essere utilizzato dai leader senior per informare le decisioni politiche. I funzionari, tuttavia, non hanno spiegato perché Fagan non avesse trovato un modo per pubblicare il rapporto prima, soprattutto perché le presunte vittime o autori del reato non erano stati nominati nel rapporto.

Il documento è stato a lungo avvolto nel segreto. La copia del rapporto ottenuta dalla CNN afferma che doveva essere conservato in “un contenitore o un’area chiusa a chiave che offra protezione sufficiente contro furti, compromissioni, accesso involontario e divulgazione non autorizzata”. Doveva essere distribuito solo alle persone in base alla «necessità di sapere» e non doveva essere rilasciato al pubblico ai sensi del Freedom of Information Act, afferma il rapporto.

Lo studio, condotto internamente e comprendente interviste a quasi 300 persone provenienti da tutta l’organizzazione, ha evidenziato le preoccupazioni sul fatto che “le palesi molestie sessuali sulle donne” e il nonnismo fossero regolarmente accettati come parte della cultura. A coloro accusati di discriminazione, aggressione e altri comportamenti scorretti è stato permesso di “sfuggire alle responsabilità e invece di dimettersi, andare in pensione o trasferirsi”, rileva il rapporto, con alcuni delinquenti che sono stati riassunti dalla Guardia Costiera in posizioni di servizio civile anche dopo essere stati costretti al pensionamento o altrimenti lasciare il servizio militare. «Permettiamo a membri potenzialmente pericolosi di rientrare nella società senza alcuna punizione», ha affermato un dipendente. Altri sostengono che i leader nascondono i problemi seri “sotto il tappeto” e che “i leader senior si preoccupano di se stessi e della propria carriera” invece che “delle persone che lavorano per loro”.

Gli autori del rapporto hanno anche notato una preoccupazione comune tra le vittime di cattiva condotta, che hanno affermato di ritenere che farsi avanti significherebbe mettere a rischio la propria carriera con poche speranze che i presunti autori del reato subiscano gravi conseguenze. «Le vittime sono ostracizzate, c’è uno stigma», ha detto una persona agli intervistatori. “Nessuno ci crede, nessuno li aiuta”.

Anche cercare cure per la salute mentale potrebbe rivelarsi rischioso, hanno detto, con un intervistato che ha parlato di come la Guardia Costiera potrebbe “dimettere involontariamente” i dipendenti con diagnosi di una condizione di salute mentale a seguito di un’aggressione o di un’altra esperienza traumatica sul lavoro.

Gli esempi citati nel rapporto rivelano una cultura in cui i membri del servizio hanno dovuto affrontare aggressioni pervasive, molestie, sessismo, razzismo e altre discriminazioni. In un caso, più testimoni hanno visto un supervisore colpire un subordinato ma nessuno si è fatto avanti per denunciarlo per paura di ritorsioni.

Migliorare la cultura della Guardia Costiera richiederebbe in alcuni casi “approcci fondamentalmente diversi”, conclude il rapporto. La Guardia Costiera ha dichiarato questa settimana di aver adottato, o parzialmente adottato, 60 delle 129 raccomandazioni, tra cui formazione aggiuntiva e servizi di supporto aggiuntivi per le vittime. Altri nove sono in cantiere, secondo l’agenzia di dichiarazione della Guardia Costiera, e per altri 20 «hanno trovato modi migliori per ottenere il risultato desiderato».

Il rapporto originale raccomandava inoltre di effettuare una nuova revisione ogni quattro anni, ma ciò non è avvenuto. La Guardia Costiera ha affermato che sono stati invece condotti altri studi sulla cultura della forza lavoro.

Dati e documenti recenti del governo, nel frattempo, mostrano che comportamenti pericolosi e discriminatori sono ancora raramente puniti presso l’agenzia.

Secondo un sondaggio militare del 2021, quasi la metà delle donne in servizio che hanno denunciato un caso di molestie sessuali hanno affermato che la persona a cui si sono rivolte non ha intrapreso alcuna azione. Quasi un terzo ha affermato di essere stato punito per aver sollevato la questione delle molestie. Nel frattempo, la stragrande maggioranza delle donne che presumibilmente hanno subito “contatti sessuali indesiderati” ha affermato di aver scelto di non denunciarlo, spesso citando preoccupazioni per le conseguenze negative o per il fatto che il processo non sarebbe stato giusto e che non sarebbe venuto fuori nulla dalle loro accuse.

Invece, i registri mostrano come i dipendenti ritenuti colpevoli di gravi illeciti siano sfuggiti a procedimenti della corte marziale o al congedo militare. Di conseguenza, i presunti autori del reato hanno evitato i precedenti penali e i loro benefici pensionistici non sono stati influenzati.

Un cadetto dell’Accademia della Guardia Costiera accusato di violenza sessuale da parte di due diversi compagni di classe nell’anno scolastico 2019-20, ad esempio, è stato espulso dall’accademia ma gli è stato permesso di arruolarsi nella Guardia Costiera per ripagare il costo dell’istruzione che aveva frequentato. ricevuto. Più o meno nello stesso periodo era un tenente comandante autorizzato a dimettersi invece di andare in giudizio per crimini militari tra cui violenza sessuale e condotta in stato di ebbrezza e disordine. Anche quando un altro ufficiale fu giudicato colpevole dalla corte marziale di aver abusato della sua anzianità per “ottenere favori sessuali con un subordinato”, ricevette solo una lettera di rimprovero.

La Guardia Costiera non ha commentato le preoccupazioni che i problemi rimangano nell’agenzia, o le statistiche o gli esempi citati dalla CNN.

L’accesso limitato alla Cultura del Rispetto è stato argomento di contesa per anni all’interno della forza lavoro e persino del Congresso.

Fagan è stato interrogato sul rapporto l’anno scorso dalla deputata Bonnie Watson Coleman in un elenco di domande presentate come parte della testimonianza al Congresso. Ha criticato l’agenzia per non averlo reso pubblico, affermando che ciò «limitava la visibilità della forza lavoro e del pubblico sui problemi identificati e sulle soluzioni raccomandate».

Watson Coleman ha anche spinto Fagan, che ha preso il timone della Guardia Costiera nel giugno del 2022, a impegnarsi a completare un nuovo studio e a renderlo pubblico questa volta, ma Fagan non ha risposto direttamente alla domanda, citando invece altri studi recenti.

Più recentemente, a Fagan è stato chiesto se avrebbe pubblicato il rapporto mentre partecipava a una riunione di facoltà presso l’Accademia della Guardia Costiera. Era lì dopo la debacle di Fouled Anchor, promettendo maggiore trasparenza quando un capitano che insegnava nella scuola la invitò a pubblicare il rapporto sulla Cultura del Rispetto, secondo più persone che hanno partecipato all’incontro.

Il comandante della guardia costiera in pensione Kimberly Young-McLear, che è una donna lesbica nera, è stata forse la più esplicita nel richiedere che il rapporto fosse pubblicato.

I suoi sforzi per diffondere il rapporto derivano dalle sue stesse denunce di “bullismo grave e pervasivo, molestie e comportamenti discriminatori” basati sulla sua razza, genere, orientamento sessuale e difesa delle pari opportunità nella Guardia Costiera.

Dopo aver presentato una denuncia nel 2017, l’ispettore generale del Dipartimento per la sicurezza interna ha scoperto che aveva effettivamente subito ritorsioni illegali. Eppure fino ad oggi, nessuno dei militari accusati del suo caso ha subito conseguenze. Young-McLear ha affermato di non aver mai ricevuto scuse scritte dai leader della Guardia Costiera nonostante le richieste del Congresso, e che gli anni di molestie e mancanza di responsabilità le hanno imposto un significativo tributo mentale.

Ha detto di aver appreso dell’esistenza del rapporto sulla Cultura del Rispetto mentre lavorava presso l’accademia della Guardia Costiera e di aver potuto leggerlo quando ha partecipato a un piccolo vertice discutendone i risultati nel 2019. Si è indignata quando ha visto che metteva in luce gli stessi problemi che aveva segnalato.

«Se la Guardia Costiera avesse effettivamente preso sul serio i risultati del rapporto Cultura del rispetto del 2015… allora forse gli anni di bullismo, molestie, intimidazioni e ritorsioni che ho sopportato avrebbero potuto essere prevenuti del tutto», ha detto Young-McLear nella testimonianza al Congresso all’udienza del 2021 sulla diversità e responsabilità all’interno della Guardia Costiera, chiedendosi perché il rapporto non fosse ancora stato reso pubblico.

Negli ultimi quattro anni, Young-McLear ha affermato di aver chiesto che il rapporto fosse pubblicato più di due dozzine di volte, a vari ammiragli e al Dipartimento per la Sicurezza Nazionale, che supervisiona la Guardia Costiera. Una manciata di altri dipendenti dell’accademia hanno avanzato richieste simili durante gli incontri dei docenti con il sovrintendente della scuola, ha detto. «Lo abbiamo detto finché non siamo diventati blu in faccia.»

La segretezza e l’inazione della Guardia Costiera, dice, parlano esattamente degli stessi problemi che il rapporto Cultura del Rispetto e altri esami hanno ripetutamente sollevato e dimostrano che l’agenzia non è riuscita a mantenersi in carica nello stesso modo in cui i responsabili sono stati lasciati fuori dai guai. .

“Se non riteniamo responsabili gli individui e le istituzioni”, ha affermato Young-McLear, “questo significa fornire un rifugio sicuro agli autori di abusi e consentire loro di salire di grado”.

Hai informazioni o una storia da condividere sul passato o sul presente della Guardia Costiera? Invia un’e-mail a melanie.hicken@cnn.com e Blake.Ellis@cnn.com.